motore di ricerca
stampa la pagina Invia ad un amico visualizza il Qr Code
Giovane operaio
  • Un operaio in tuta blu, frontale, con una mano in tasca su uno sfodno di nero assoluto: nella sua icastica semplicità il dipinto di Altieri - figura importante, con Toffolo Anzil, Dora Bassi, Ugo Canci Magano, Enrico De Cillia, Federico De Rocco, Tito Maniacco e Giorgio Celiberti del realismo friulano degli anni Quaranta e Cinquanta - è venato da una tensione espressionista sostenuta da una pennellata larga e corposa, e pone in luce le masse e i volumi più che delineare particolari fisionomici. Il quadro, premiato alla XIII edizione del Premio Suzzara (1960), testimonia l'attenzione da parte dell'artista a una pittura elementare, costituita da pochi e semplici tratti che delineano l'insieme, assecondando un intento di sentesi primitivista. L'intenzione di realismo sociale sembra qui far posto a una figurazione che risente degli echi del "realismo esistenziale" di Romangoni e Vaglieri: lo si avverte nella rilettura espressionista della figura, nell'isolamento e nello scavo psicologico del personaggio, d'aspetto quasi spettrale, nel ritorno a una pittura che si avvale del "povero" carboncino, nella forte incidenza grafica dell'insieme. Tipico del pittore è, inoltre, il ricorso a un blu intenso, primordiale, di forete accensine, a evidenziare la figura su uno sfondo neutro, quasi a delieare un'immagine emblematica di moderno lavoratore.

  • Tipologia: Opere
  • Autore: Sergio Altieri
  • Anno: 1960 (Premio Suzzara 1960)
  • Tecnica: tempera e carboncino su tela, 150 x 70 cm
Risultato
  • 0
(0 valutazioni)


Calendario Eventi
<< settembre 2020 <<
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
             
Sito internet realizzato da Progetti di Impresa Srl
Copyright © 2014